LE RELAZIONI SOCIALI

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE - STATO
Con la legge n. 108/96 ART. 15 lo Stato adottò un provvedimento che ci allineò alle legislazioni più evolute di altri paesi europei e istituì il “Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze che è il nostro stakeholder di riferimento.

REGIONE TOSCANA
La Regione Toscana e la Fondazione collaborano per la prevenzione dell’usura e sono impegnate ad operare ai sensi dell’art. 15 della Legge 7/3/1996 n° 108 in virtu’ del Protocollo di Intesa del 18 Marzo 1998 che ci pone come partner dell’Ente Pubblico per fronteggiare il suddetto fenomeno.
Il 29 Dicembre 2009 la Regione Toscana ha emanato la Legge n° 86 “Strumenti di prevenzione dell’usura ed educazione all’uso consapevole del denaro” che riconosce il ruolo della Fondazione sul territorio e l’impegno a sostenerne l’attività.
La Fondazione, in virtù di specifici Protocolli di Intesa, collabora con la stessa Regione per gli interventi di sostegno per l’inclusione sociale promossi dalla Regione Toscana ai sensi dell’art. 60 della L.R. 77/2012 e dell’art. 7 della L.R. 45/2013.
L’Ufficio Relazioni con il Pubblico della Regione Toscana è, per i cittadini, il primo punto di informazione sulla nostra attività (numero verde 800860070)

FAMIGLIE E IMPRESE
È nostro costante impegno il contrasto all’usura ed al sovraindebitamento delle famigli e microimprese.
Richieste di rilascio di garanzia istruite dai Centri di ascolto
n. 3877 per € 195.591.142

Richieste di finanziamenti ritenute meritevoli ed inoltrate alle Banche con la nostra garanzia
n. 3128 per € 157.885.000

Erogate dalle Banche
n. 2154 pratiche per € 99.076.666

di cui mutui ipotecari
n. 936 per € 81.477.694
per la maggior parte finalizzati al salvataggio dell’abitazione principale.

BANCHE
Sono in corso convenzioni con i seguenti Istituti di Credito (in ordine di data di inizio dei rapporti)
• Banca Monte dei Paschi di Siena Spa
• Federazione Toscana Banche di Credito Cooperativo
   (in rappresentanza delle Banche associate)
• Banca CR Firenze Spa
• Cassa di Risparmio di San Miniato Spa
• Ubi Banca Spa
• Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia Spa
• Banca Cambiano 1884 Spa
• Banca di Pisa e Fornacette (credito cooperativo)
• Banca Popolare di Lajatico
• Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci
• Cassa di Risparmio di Volterra

SCUOLE
La Fondazione collabora con le scuole della Toscana che ospitano i nostri volontari nelle ultime classi delle medie superiori per incontri aventi per oggetto la cultura della legalità e dell’uso consapevole del denaro. Il fine primario è quello di far riflettere i giovani sul fenomeno dell’usura nelle sue varie componenti (economiche, sociali e criminali) e sui comportamenti (censiti in base alla nostra esperienza in campo) che possono generare nel tempo situazioni di difficoltà finanziaria e stati psicologici tali da far considerare il ricorso all’usura l’unica soluzione percorribile.
Questi i principali temi trattati negli incontri con le singole classi:
Che cosa è il reato di usura. La prevenzione e la repressione (legge 108/96)
La figura dell’usuraio e la sua evoluzione
Il rischio usura. Principali cause dell’indebitamento eccessivo
L’uso non corretto del denaro
Consumismo e credito al consumo. Consumi consapevoli ed indotti
Gli effetti della crisi economica sulle famiglie e sulle micro-imprese
Un nuovo rischio: il gioco d’azzardo (legale ed illegale). La ludo dipendenza
La Fondazione Toscana per la Prevenzione dell’Usura. Ruolo, diffusione sul territorio, modalità di intervento, volumi delle attività svolte

CONSULTA NAZIONALE ANTIUSURA
La Consulta Nazionale Antiusura “Giovanni Paolo II” Onlus (Organizzazione non lucrativa di utilità sociale) con sede a Bari è una associazione volontaria di Fondazioni e Associazioni antiusura. Aderiscono alla Consulta n. 29 Fondazioni.

ORGANISMI DI COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO
Ordini Professionali
Al fine di favorire la conoscenza degli strumenti attivabili per superare situazioni di gravi difficoltà finanziarie ai sensi della Legge 108/96 (legge sull’usura) e Legge 3/2012 (composizione delle crisi da sovraindebitamento), la Fondazione ha firmato con O.C.C., ordini professionali e C.C.I.A.A di diverse provincie toscane specifici protocolli d’intesa che prevedono anche comuni interventi di supporto agli utenti.

ASSOCIAZIONI NO-PROFIT
La Fondazione collabora con associazioni no-profit della toscana aderendo e partecipando alle iniziative aventi per oggetto tematiche economico-sociali

AMBIENTE
Il progresso industriale ha accresciuto enormemente il problema dell’inquinamento atmosferico e dell’esaurimento delle risorse ed oggi più di prima viene dedicata particolare attenzione alle tematiche ambientali sia da parte di soggetti pubblici che privati.
Gli impatti sull’ambiente delle attività della Fondazione sono correlati e prodotti dalla gestione ordinaria ed in piccola parte dai viaggi di lavoro effettuati dai Volontari. Pertanto essi consistono soltanto nel consumo di risorse naturali esauribili quali l’energia e il consumo di carta. Il nostro obiettivo è quello di conseguire risparmi economici attraverso la riduzione dei costi di esercizio dei sistemi di illuminazione e la diminuzione del consumo dei fogli di carta con il passaggio graduale all’uso del solo” foglio elettronico”.

 
leggi
bilancio di missione
documenti
i nostri finanziatori
 
 
 
 
dove sono
come funzionano